Mercoledì, Aprile 10, 2013

L’autonoleggio in mano ai broker. Il prezzo del Low Cost.

L’autonoleggio a breve termine ha avuto in questo ultimo decennio , in particolare in questi ultimi anni, una particolare evoluzione.

Il pullulare di operatori web, broker, portali del settore e relativi micro siti, hanno raccolto, e procacciano sempre più, un numero considerevole di utenti e i grandi Brand sono sempre più costretti a rivolgersi a questi soggetti per generare fatturato. Il potere contrattuale elevato dei broker e la competitività tra le varie società di autonoleggio che si svendono sempre più davanti allo strapotere dei Broker sta trasformando il settore in una giungla di tariffe e di prodotti dalla discutibile credibilità. Questo fattore interessa particolarmente l’Italia. Talvolta il Cliente straniero, ma anche quello Italiano inconsapevolmente, prenota un veicolo da ritirare in Italia, da un sito web straniero che funge da broker.

La fattura relativa al noleggio del prepagato sarà emessa dalla società straniera mentre gli eventuali extra e la lettera saranno regolarizzati dalla società di autonoleggio Italiana. Il risultato è la diminuzione dei margini di guadagno della società Italiana e su un servizio prestato nel nostro territorio con contraccolpi negativi sul comparto e causa di crisi delle piccole agenzie regionali e locali.
Car keys and remote alarm controller on a white background
In un primo momento le società di autonoleggio hanno cavalcato l’onda e se originariamente si riusciva a compensare la bassa redditività della tariffa con la vendita degli extra al banco e delle coperture assicurative aggiuntive, un po’ per la diminuzione del potere di acquisto dell’utenza e soprattutto per il pullulare di servizi assicurativi di rimborso presenti sul web, trovano ora sempre più ostacoli ad incrementare la revenue.

Naturalmente a veder ridimensionate le proprie aspettative riguardo i servizi forniti sono anche i Clienti che acquistando dei servizi sottocosto e con coperture assicurative zoppe, come i rimborsi di franchigia, noteranno una decadenza nel servizio e soprattutto l’irrigidirsi delle procedure, per citarne uno l’incremento dei depositi cauzionali al ritiro del veicolo.
Le recensione negative sui forum dimostrano la veridicità di quanto sopra affermato.
Tuttavia, và anche affermato, che clienti che riescono ad entrare nell’ottica del low cost hanno la piena consapevolezza delle condizioni di offerta e si adattano, ma se siete dei clienti esigenti, pratici, comodi e abituati alla fidelizzazione meglio lasciar perdere.

Prima di prenotare un’auto sul web:

- Verifichiamo se stiamo prenotando l’autonoleggio in un sito di un broker oppure di una società di autonoleggio con struttura propria.
- Se prenotiamo l’auto tramite un broker aspettiamoci e prepariamoci psicologicamente che potremmo affrontare qualche ora di attesa e alla possibilità dell’overbooking.
- Verifichiamo le coperture assicurative e l’ammontare dei depositi cauzionali da garantire alla compagnia di autonoleggio.
- Evitare rigorosamente la sottoscrizione di rimborsi di franchigia “ excess refund” e acquistiamo le coperture assicurative “Casco” , le uniche opzioni che limitano le responsabilità e riducono l’ammontare dei depositi cauzionali.
- Verifichiamo l’età minima e massima del conducente.
- Verifichiamo anche le offerte di autonoleggio regionali, come Only Sardinia , che hanno sicuramente delle condizioni molto più elastiche e gli operatori hanno meno linee ferree guida da seguire.
- Ricordiamo che i modelli proposti nei siti dei broker sono grossolanamente indicativi, pertanto, non facciamo troppo affidamento sulla capienza del bagagliaio.
- Un operatore del call center di un Broker non avrà mai conoscenze tecniche complete rispetto a quelle di un addetto diretto del comparto autonoleggio.

http://www.only-sardinia.com

Grazie e buona navigazione.

www.blog.only-sardinia.com

only-sardinia-logo-aeroporto.jpg

Aggiungi un commento

Completa le informazioni sottostanti per inviare un commento